Competenze

Gnatologia e problemi di masticazione

Lo Gnatologia è la branca della medicina che si occupa dello studio e della cura dei problemi e delle malattie degli organi coinvolti nella masticazione ovvero in che modo i denti, i muscoli e le articolazioni delle arcate dentarie interagiscono durante la masticazione, la deglutizione e la fonazione.

Da sempre esiste una stretta collaborazione operativa gli specialisti che esercitano questa disciplina ed altri professionisti come l’ortodonzista o il chirurgo maxillo-facciale. Vi sono molte scuole, tutte molto raffinate e blasonate, che studiano la perfetta occlusione ed il rapporto fra l'occlusione abituale e quella ottimale.

900x600-visita-gnatologia.jpg

Quali patologie trattiamo?

Le patologie trattate dalla Gnatologia sono numerose e differenti tra loro e possono prendere in considerazione problemi relativi non solo al cavo orale ed alla strutture del cranio ma anche alle fasce muscolo scheletriche che, se scompensate, portano a gravi problemi di cefalea, mal di schiena, dolori cervicali e lombalgie.

Bruxismo

 

Il Bruxismo o il digrignamento dei denti è un'attività di contrazione muscolare molto intensa e che si manifesta soprattutto di notte, durante il sonno. Durante questi episodi i muscoli elevatori della mandibola serrano il morso e mantengono in contatto prolungato le due arcate dentarie con fortissime pressioni e generando dei carichi devastanti sui denti, ossa mascellari e gengive e provoca sposamento e usura precoce dei denti.
Le cause del digrignamento sono svariate: genetiche, psico-fisiche ma molto più spesso derivano da problemi occlusali.

Russamento e Apnee

 

Il russamento (russare durante il sonno) è un problema davvero comune che si presenta a tutte le età, sia per gli uomini che per le donne, anche se con frequenza differente. Questo disturbo può causare interruzioni al sonno con fastisiose ripercussioni sulla qualità della vita personale e di coppia. Gli effetti negativi più comuni per la salute sono la sonnolenza e le disfunzioni durante il giorno legate allo scarso riposo e le malattie cardiache. Circa la metà delle persone che russa intensamente soffre anche di fenomeni di apnea ostruttiva, un problema che può causare sul lungo periodo un'aumento del rischio di ipertensione arteriosa (pressione alta), aritmie cardiache e ictus.

Sciatalgie, Lombalgie e Mal di Schiena

 

La sciatica o sciatalgia, è una irritazione derivata dalla compressione del nervo sciatico che provoca una sensazione di dolore e di formicolio. All'origine di questo problema possono esservi numerosi fattori tra i quali l'ernia al disco, la stenosi vertebrale ma anche la sedentarietà. Molto spesso però l'origine di questa patologia è riconducibile a problemi del complesso temporo mandibolare. I muscoli posteriori del collo e parte del midollo spinale formano infatti un complesso interconnesso con le ossa del cranio, la mascella e la mandibola e pertanto ogni problema che riguarda questa struttra può riflettersi anche a livello del nervo. Più in generale le problematiche che interessano i muscoli della mascella e della mandibola possono generere patologie riflesse anche a livello dei lombi ma anche in punti differenti della colonna vertebrale.

Nevralgia del Trigemino

 

La nevralgia del trigemino è una sindrome cronica che si manifesta con episodi di dolore estremamente intenso al volto in corrispondenza del quinto nervo cranico. La zona interessata è quella ai lati degli occhi, della mandibola fino al mento o della mascella nella zona superiore della guancia.

Cefalea ed Emicranie

 

La cefalea, comunemente detta "mal di testa", è un disturbo di cui soffre una percentuale davvero significativa della popolazione. Le più frequenti sono emicranie e cefalee derivate da tensioni muscolari che spesso derivano da disturbi occlusali.

Acufeni e Vertigini

 

Gli acufeni (fischi o ronzii nelle orecchie) si possono presentare in molti casi come conseguenza del bruxismo e del serramento dei denti e si possono manifestare in associazione con cefalee, tensioni ai muscoli del viso e/o dolore alla nuca.

Click mandibolare

 

Questo disturbo si manifesta, aprendo o chiudendo la bocca, con un "click" o uno scricchiolio della mandibola che può essere anche accompagnato a volte da dolore acuto. E' bene sottolineare che sottovalutare o peggio banalizzare questo disturbo può portare a problemi più seri come ad esempio a fenomeni di artrosi e il manifestarsi di dolori o pulsazioni a livello dell'articolazione mandibolare.

Come risolviamo i problemi di masticazione?

 

Nel campo della gnatologia, eseguiamo diagnosi per investigare e stabilire la causa del problema, in modo da poter mettere in pratica procedure conservative e poco invasive. Spesso vengono proposte soluzioni che prevedono l'uso di Bite, delle particolari mascherine in resina da applicare sui denti che consentono di mantenere il corretto spazio occlusale e di scaricare la forza esercitata dai muscoli sull'apparecchio piuttosto che sui denti. Purtroppo questa soluzione risolve solo momentaneamente il problema e i benefici sono solo passeggeri e condizionati all'uso continuativo del Bite. Tolto l'apparecchio i sintomi si ripresentano.

Nel nostro Studio Dentistico adottiamo un approccio differente mirato a risolvere il problema alla radice.
Grazie a sofisticati stumenti come il T-Scan e l'elettromiografo siamo in grado di valutare in modo estremamente preciso i punti di malocclusione ed i problemi di serraggio della mandibola.
Mediante l’elettromedicale T-Scan riusciamo in poche sdute ad acquisire i dati e ad operare con dei molaggi selettivi al fine di ottenere un’occlusione ideale, con risultati ottimi anche nella risoluzione delle cefalee, delle lombosciatalgie e nel trattamento di vertigini e acufeni.

La tecnologia T-Scan

 

Il T-Scan è un dispositivo elettronico digitale che integra una miriade di sensori disposti su una superficie atta a registrare le caratteristiche del morso. Grazie ad un particolare software è possibile rilevare il livello e la tempistica della forza che viene esercitata sui singoli denti e la stabilità del morso del paziente. Nel campo della misura in ambito gnatologico e odontoiatrico il T-Scan è la tecnica che garantisce di gran lunga il miglior risultato, perché è in grado di rilevare all’istante i dati occlusali, compresi la forza e il tempo. Grazie alle rilevazioni effettuate tramite T-Scan la pressione a cui è sottoposto ogni singolo dente viene misurata al millesimo di secondo, così da poter intervenire puntualmente e precisamente per poter poi raggiungere l'occlusione perfetta prevenendo o risolvendo tutte le patologie legate alle malocclusioni. Nel tempo questa tecnologia ci ha permesso di risolvere e migliorare la qualià della vita dei nostri pazienti e di evitare di ricorrere a interventi protesici o implanti: un successo sotto

L’esame tramite il T-Scan è semplicissimo ed indolore per il paziente che deve solamente aprire e chiudere l'arcata dentale sul sensore ultrasottile del dispositivo. Sullo schermo il software è in grado di rappresentare in grafica 2D o 3D tutti i punti di contatto dei denti, rilevando nel tempo e secondo criteri differenti il livello della forza a cui viene sottoposto il dente stesso durante l’occlusione.
Grazie a questi dati lo gnatologo o il dentista possono ottenere delle precise informazioni per valutare lo stato di bilanciamento del morso, andando a intervenire nel modo più efficace e veloce. L'analisi e la rappresentazione dei dati viene effettuata comodamente in poltrona e così che il paziente possa visualizzare i dati su schermo assieme al professionista, confrontandoli a necessità con rilevazioni precedenti.

Il T-Scan, grazie alla sua precisione nella rilevazione e nella rappresentazione grafica dei dati acquisiti, garantisce una riduzione drastica del numero degli interventi di correzione, abbassando il numero di visite ed offrendo uno strumento per il monitoraggio continuativo delle occlusioni dei pazienti.
L’estrema accuratezza di questo strumento permette quindi di individuare con precisione i punti di contatto, così da poter indicare esattamente dove operare effettuando i necessari interventi di molaggio selettivo.

Il molaggio selettivo

 

Il molaggio selettivo o coronoplastica dentale è una tecnica odontoiatrica che consiste nel sagomare la superficie dei denti attraverso appositi strumenti abrasivi e dei filler compositi a base di resine che servono per ricostruire o rimodellare le corone dentali integrandosi perfettamente.
Il molaggio che viene praticato è molto leggero e prevede delle modifiche alla sagoma del dente del tutto minime che non vanno ad intaccare la naturale integrità della dentatura.

Effettuate le necessarie correzioni nella conformazione dei punti di contatto imperfetti si procede al monitoraggio dei risultati e al feedback del paziente fino alla completa risoluzione del problema.